Alessandro Angeli
    Società Editoriale ARPANet
guarda. vivi. ascolta. scopri.

Nome e cognome.
Alessandro Angeli.

Come ti chiamavano quando eri piccolo?
...Non mi chiamavano.

Anno/periodo storico in cui saresti voluto nascere.
15 agosto 1272 oppure 15 agosto 1950. Umanesimo civile, umanesimo rivoluzionario.

Dai un indizio che identifichi la tua città senza nominarla. Una città fantastica, piena di cultura e di spazi per la comunicazione e la condivisione delle esperienze.

Quando hai capito che saresti diventato uno scrittore?
La prima volta che ho letto un libro di un autore contemporaneo, o quando mamma mia ha cominciato ad avere una terribile domanda celata nello sguardo: "Ma lavorare, no?"

Il commento più bello che hai ricevuto da un lettore.
"Ma te scrivi?" Sì. "E che scrivi?" Romanzi, racconti, articoli. "Ah, e ti pagano?"

Se ti dico libro a che cosa pensi?
A un libro!

Descrivi il tuo stile usando solo aggettivi.
Noioso, forzatamente intimistico, autoreferenziale.

Il prossimo libro che scriverai parlerà di...?
Morti, un reportage sulla morte di uno scrittore morto, che inizia con la E, forse.

Se potessi scegliere un luogo per la lettura pubblica dei tuoi scritti, quale sarebbe?
Una prigione.