Marialuisa Amendola
    Società Editoriale ARPANet
guarda. vivi. ascolta. scopri.

Nome e cognome.
Marialuisa (tutto attaccato) Amendola.

Come ti chiamavano quando eri piccola?
Principessa.

Anno/periodo storico in cui saresti voluta nascere.
Forse nel medioevo, anche se poi so che non sarei sopravvissuta a lungo.

Dai un indizio che identifichi la tua città senza nominarla.
Non posso dare un indizio per la mia città... Quale città: quella di nascita? Quella dell'attuale residenza? Quella in cui andrò presto a vivere? Non mi sento di appartenere a nessun posto in particolare.

Quando hai capito che saresti diventata una scrittrice?
Sinceramente, non mi sento una scrittrice, credo di essere una che ha scritto delle cose e basta.

Il commento più bello che hai ricevuto da un lettore.
Sicuramente è stato quello di una collega che mi ha detto che le ho suscitato delle emozioni forti. Ha riso e pianto leggendo "Tracce".

Se ti dico libro a che cosa pensi?
Penso al profumo delle pagine di un vecchio libro rilegato. Quando ho in mano un libro, la prima cosa che faccio è sfogliarlo annusandone il profumo.

Descrivi il tuo stile usando solo aggettivi.
Sintetico. Detto questo, non aggiungo altro!

Il prossimo libro che scriverai parlerà di...?
Non so di cosa parlerà, anche perché non so neanche se ci sarà a breve. Sogno però di scrivere un grande romanzo.

Se potessi scegliere un luogo per la lettura pubblica dei tuoi scritti, quale sarebbe?
Forse in riva al mare...