Rosalba Panzieri
    Società Editoriale ARPANet
guarda. vivi. ascolta. scopri.

Nome e cognome.
Rosalba Panzieri.

Come ti chiamavano quando eri piccola?
La "poetessa meditatrice".

Anno/periodo storico in cui saresti voluta nascere.
Il mio, anche se avrei passato un paio d'anni nella biblioteca insieme a Leopardi. Diciamo quindi contemporanea perché i miei piedi ci sono avvezzi, romanticista d'adozione perché il mio cuore è attratto dalle suggestioni di quel periodo.

Dai un indizio che identifichi la tua città senza nominarla.
Sole argentato sugli ulivi in riposo.

Quando hai capito che saresti diventata una scrittrice?
Prima di cominciare a scrivere, la penna è l'osso mancante dello scrittore.

Il commento più bello che hai ricevuto da un lettore.
Mi hai illuminato d'immenso.

Se ti dico libro a che cosa pensi?
All'aria, all'energia primordiale che si addensa in materia.

Descrivi il tuo stile usando solo aggettivi.
Asciutto, indagatore, a tratti etico, rivelatore dell'improbabile.

Il prossimo libro che scriverai parlerà di...?
Ipotesi di salvezza.

Se potessi scegliere un luogo per la lettura pubblica dei tuoi scritti, quale sarebbe?
Il teatro e l'ospedale, idealmente il teatro dell'ospedale.